La donna e la sua condizione nei secoli

La forza e l’equilibrio è donna. Da sempre, fin dalla notte dei tempi. Oggi l’universo femminile s’interroga sul ruolo della donna nella società e sulle difficoltà da affrontare, può fare un passo avanti verso la comprensione del suo valore: così come è da sempre, ed è la storia a confermarlo. Ma prima di fare un viaggio a ritroso nel passato attraverso i secoli per scoprire come eravamo è utile focalizzare per un momento l’attenzione sull’oggi.
Le donne sono forti e devono tenere le redini della famiglia e del lavoro. Una doppia fatica che richiede energie, impegno, efficienza, senso del dovere. Ma a volte tutto ciò sembra non bastare. Perché a questo si aggiunge la fatica di “sfondare” un mondo che è ancora molto maschile nelle sue richieste e pretese. Una società che chiede ancora alle donne di “portare i pantaloni” quando è ormai tempo di indossare con orgoglio la gonna e di sfruttare tutte le capacità che sono racchiuse nel ruolo femminile, e le sono proprie da sempre.

Le donne sono sempre state brave a gestire “casa e bottega”, famiglia e affari. Già nell’età della pietra stavano dentro le caverne e badavano ai cuccioli, prendendosene cura e sfamandoli. Si occupavano anche di trasformare quanto cacciato dall’uomo in qualcosa di commestibile ma non solo. Dai prodotti dell’animale cacciato tiravano fuori pelli per coprirsi, cibo per sfamarsi, conservando tutto quanto era utile per la sopravvivenza. Una pratica questa che si ritrova anche nelle popolazioni dei pellerossa americani, dove le rappresentanti del sesso femminile accompagnano gli uomini nelle loro attività di caccia aiutandoli attivamente in questa pratica.
Dopotutto nelle civiltà arcaiche il matriarcato era potentissimo: la donna era regina della famiglia e della comunità. La sua figura mitica veniva associata alla madre terra, generatrice di vita e potente forza della natura. Tutta l’economia della casa era nelle sue mani, la sua parola era legge anche per gli uomini che dovevano abbandonare il focolare per recarsi al lavoro nei campi, a delegare tutto il resto all’impeccabile organizzazione femminile.

Poi sono arrivati i grandi imperi dell’antichità, le civiltà classiche: anche qui, nell’antica Roma ad esempio, le mogli degli imperatori facevano la vera politica tessendone le trame nell’ombra. Le donne erano potenti e libere. Tutto cambia nel Medioevo, quando l’essere femminile viene percepito in due differenti modalità: angelico e spirituale oppure stregonesco e maligno. Il Bene e il Male si incarnano nell’essere umano femminino che si allontana così dalla concretezza e soprattutto dal potere di decidere e di fare qualsiasi cosa di diverso dal suo ruolo di madre e moglie, piegata al volere dell’uomo.

Nel Seicento la paura della forza al femminile, si trasforma in persecuzione fino al loro estremo sacrificio perpetuato contro le streghe al rogo: esperte nell’arte della stregoneria, così erano considerate quelle donne che decidevano di “ribellarsi” al volere maschile e alle regole imposte dalla società, essendo infine relegate ai margini di essa. Tutte le altre andavano in spose o entravano in convento.

Il Settecento vede le donne ancora racchiuse tra le mura domestiche o nelle corti a tessere trame e a cercare di “accasarsi” al meglio. Poche le occasioni di entrare in società con un ruolo diverso da quello di future spose e madri.

È con l’Ottocento che la donna torna alla ribalta, soprattutto nella sua veste di lavoratrice. La sua forza lavoro, mai venuta meno nella storia, solo ora ricomincia ad avere un importante peso sociale in piena società industriale, soprattutto dal punto di vista economico e produttivo in senso stretto. L’individuo femminile comincia faticosamente a farsi riconoscere il diritto ad essere un soggetto sociale lavoratrice e cittadina e quindi a potersi svincolare dal potere dell’uomo, marito o padre.
Lavoratrici con le gonne si cominciano a vedere non solo nelle fabbriche ma anche nelle scuole come maestre, nelle corsie degli ospedali soprattutto come ginecologhe conquistando un’indipendenza economica che rompe gli stretti vincoli domestici. Negli Stati Uniti, nel 1840, viene anche sancito il diritto alla libera disponibilità dei guadagni. Le donne cominciano anche a spogliarsi di quegli indumenti fatti di bustini strettissimi e di stecche e indossano abiti fluidi e costumi da bagno, lontani antenati dei bikini. Anche questo è lento progresso verso la parità all’alba del Ventesimo secolo, quando iniziano i primi riconoscimenti dei diritti politici alle donne in Nuova Zelanda (1893), poi negli Usa (1914) e a seguire in tutto il resto del mondo occidentale.

Il Novecento è il secolo delle suffragette, del grande movimento femminista, delle conquiste dei diritti civili, dall’uguaglianza al voto alla possibilità di accedere a tutte le professioni di esclusiva pertinenza degli uomini. La donna della seconda metà del ‘900 conquista la sua libertà e la sua indipendenza economica, giuridica, politica, sessuale: diventa un individuo a pieno titolo, una cittadina moderna proiettata verso la modernità. Un esempio importante dell’emancipazione della donna in questa nuova era arriva dall’India dove le donne, a partire dagli anni Novanta, sono uscite dal loro isolamento dentro case e famiglie, vittime di una società settaria, per aggredire il mondo del lavoro e dell’economia con la loro intraprendenza.
Gli esempi sono numerosi: le giovani donne indiane con la potenza del loro lavoro sono da alcuni decenni un antidoto alla crisi economica perché credono nelle proprie capacità imprenditoriali e nella solidarietà. Molte hanno iniziato dando vita alla bottega dietro casa dove confezionano vestiti e gioielli destinati all’esportazione nel resto del mondo. O come in Bangladesh dove un solo uomo, Muhammad Yunus ha dato una mano a un gruppo di donne povere lavoratrici facendole uscire dalla loro condizione miserevole: negli anni Settanta dopo una forte carestia si è recato nel villaggio di Jobra e ha offerto loro un piccolo credito finanziario, che le grandi banche non avrebbero mai concesso, per far vivere le loro piccole imprese. Ha finanziato le loro attività artigianali dedicate alla lavorazione di mobili in bambù, dando vita a quell’esperienza straordinaria del microcredito che gli ha fatto meritare il Premio Nobel per la pace 2006. Ma nella società indiana non mancano gli esempi di manager e donne in carriera. Il progresso economico è da tempo in quest’area del mondo strettamente connesso al protagonismo delle donne.

Ma, nonostante questi esempi, oggi, all’alba del millennio qualcosa sembra ancora non tornare… Tuttavia oggi le donne hanno ancora molta strada da percorrere per riaffermare la loro femminilità fatta di quei valori profondi e unici che avevano già nelle caverne! Ma per farlo è necessario riappropriarsi di quanto non è mai venuto meno: forza, equilibrio, passione, intelligenza, coraggio, abilità intellettive e manuali. Essere donne, ribelli, selvagge, streghe, guerriere, protagoniste. Come le donne che parlano dalle pagine di questi libri interessanti che vogliamo qui consigliare.

0 comments

Add your comment

Nickname:
E-mail:
Website:
Comment:

Other articlesgo to homepage

Sistema Sanitario Italiano al terzo posto in classifica mondiale

Sistema Sanitario Italiano al terzo posto in classifica mondiale(0)

Il Sistema Sanitario Italiano al terzo posto in classifica modiale in termini di efficienza lo dimostra  l’analisi stilata da Bloomberg (classifica) che ha considerato una serie di parametri di riferimento forniti da: Banca Mondiale, Fmi e Oms. Il lavoro svolto da Bloomberg ha valutato i 51 Paesi con popolazione superiore ai 5 milioni, con un

XXIX Congresso SIP Calabria e I Congresso SIPO Calabria

XXIX Congresso SIP Calabria e I Congresso SIPO Calabria(0)

Il 25 Ottobre 2014 presso l’Hotel Savant Via Capitano Manfredi, 8 a Lamezia Terme si terrà il XXIX Congresso SIP Calabria e I Congresso SIPO Calabria Quest’anno il Convegno Regionale della Società Italiana di Pediatria si svolgerà a Lamezia Terme, cittadina posizionata proprio al centro della Calabria, tutto ciò per favorire la presenza di un

il volontariato in italia: attività gratuite a beneficio di altri

il volontariato in italia: attività gratuite a beneficio di altri(0)

Attività gratuite a beneficio di altri: il volontariato in italia di seguito una sintesi dell’ultimo Report dell’ISTAT che indica che circa un italiano su otto svolge attività gratuite a beneficio di altri o della comunità. In Italia il numero di volontari è stimato in 6,63 milioni di persone, (tasso di volontariato totale pari al 12,6%).

Il ssn e la Sostenibilità

Il ssn e la Sostenibilità(0)

A conclusione dell’indagine conoscitiva deliberata nella seduta dell’11 giugno 2013 dalle commissioni riunite V (bilancio, tesoro e programmazione) e XII (affari sociali). Il Ministro Lorenzin a tal proposito: “Senza cambiamento e innovazione il sistema va a fondo”.“In autunno riforma degli enti vigilati e di quelli della ricerca”. Il ssn e la Sostenibilità ha di fatto necessità di

Ordini Professionali: al vaglio la loro costituzione

Ordini Professionali: al vaglio la loro costituzione(0)

Dai Collegi agli Ordini Professionali per regolamentare le professioni sanitarie. L’art. 3 del nuovo decreto in studio in commissione al Senato in questi giorni riforma in maniera organica gli ordini e i collegi delle professioni sanitarie, con un intervento diretto allo scopo di rendere il sistema più aderente alle esigenze odierne e assicurarne la funzionalità

read more
banner

Contacts and information

La redazione di Life Long Learning è costituita da 11 persone. Direttore editoriale è Daniele Perrelli, direttore responsabile è Francesco Montemurro che con il caporedattore Riccardo Ferraiuolo coordina i collaboratori: Andrea Mazzotti, Piero de Cindio, Rossella Filippelli, Antonella Orlanza, Francesco Carbone, Emma Perrelli, Demetrio Ruffo, Davide Nunziante e Pasquale Cicirelli.

Social networks

Most popular categories

© 2006-2012 J&B S.r.l., Codice Fiscale/Partita IVA 02610180784 - Sede Legale: Via Piemonte 12, 87036 Rende (Cosenza) - Italia
Iscritta al CCAA di Cosenza n. REA 176947 - Capitale sottoscritto e versato € 50.000
Blog Educazione Continua in Medicina, Corsi ECM is Powered by Siti Web Piero de Cindio Web Project and Development - WebAgency Cosenza - GFX: Dasco - Tutti i diritti Riservati
Progettazione ed Erogazione di Eventi Formativi, anche a distanza (FAD) in ambito Socio-Sanitario 2006-2012