morbillo

Oms: più 400% di casi di morbillo nel 2017 in Europa

Nel 2017 si è registrato un incremento record di casi di morbillo in tutta Europa con più di 20mila persone colpite e 35 morti, con un boom in Romania, Italia e Ucraina

2017, annus horribilis per la conta dei casi di morbillo in Europa che è arrivata a ben 21.315, con 35 decessi. Un + 400% rispetto al 2016, anno in cui invece si era registrato un record ma al ribasso, con 5.273 casi.

“Più di 20mila casi e 35 vite perse per il morbillo sono una tragedia che semplicemente non possiamo accettare”, ha dichiarato il direttore dell’Oms Europa, Zsuzsanna Jakab.

morbillo
morbillo

Ad essere più colpiti con epidemie ben consistenti in Europa, 15 Paesi fra cui in primis Romania, Italia e Ucraina. A diffondere i dati relativi al 2017, l’ufficio europeo dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), durante un incontro fra i ministri della Salute europei, tenutosi di recente in Montenegro.

Fanno parte della regione europea dell’Oms 53 Paesi. di questi, 15 hanno avuto più di 100 casi e i primi sono stati Romania con 5.562 persone colpite da morbillo, Italia con 5.006 e Ucraina con 4.767.

L’Oms attribuisce la facilità di diffusione del morbillo alla somma di più fattori quali innanzitutto la diminuzione del tasso di copertura vaccinale che è risultato maggiore nelle fasce più deboli della popolazione e in secondo luogo, le interruzioni di forniture dei vaccini nonché i sistemi di verifica e controllo delle malattie che evidentemente non hanno funzionato a dovere.

Ecco la classifica dei Paesi che hanno fatto registrare vaste epidemie di morbillo: Grecia (967), Germania (927), Serbia (702), Tagikistan (649), Francia (520), Russia (408), Belgio (369), Regno Unito (282), Bulgaria (167), Spagna (152), Repubblica Ceca (146) e Svizzera (105).

In Italia invece, le regioni maggiormente colpite sono state Lazio, Piemonte, Lombardia, Toscana e Puglia.