A partire da gennaio, arriva in farmacia, la cannabis ad uso terapeutico di produzione dello Stato

A partire dal gennaio 2017, arriva nelle farmacie italiane la cannabis ad uso terapeutico prodotta dallo Stato. La prima farmacia a distribuirla, sarà la Farmacia Campedello di Vicenza

A partire da gennaio, arriva nelle farmacie italiane, la cannabis prodotta dallo Stato a scopo terapeutico. La prima farmacia nella quale sarà possibile acquistarla sarà la Farmacia Campedello di Vicenza alla quale, lo Stabilimento Chimico Farmaceutico Militare di Firenze ne invierà due flaconcini, per un totale di 10 grammi. Il prodotto – frutto del progetto pilota sulla marijuana coltivata a scopo medico, sancito dall’accordo di collaborazione siglato il 18 settembre 2014 tra i ministeri della Salute e della Difesa e poi allargato al ministero delle Politiche agricole- verrà presto distribuito su tutto il territorio nazionale, solo ed esclusivamente dietro prescrizione medica. La vendita in farmacia comporterà una sostanziosa riduzione dei costi per i pazienti. Mentre oggi, il prezzo medio della cannabis importata dall’Olanda si aggira intorno ai 24euro al grammo, in farmacia, per quella italiana, il costo sarà al di sotto dei 15 euro. Una buona notizia per tutti quei pazienti affetti da patologie, in particolare di carattere doloroso, che non rispondono alle comuni terapie a base di oppiacei o analgesici. La terapia più economica a base di cannabis curativa è in cartine. Solitamente essa comprende 2 cartine al giorno da 25milligrammi di cannabis, per un totale di un grammo e mezzo al mese. A partire dal 2017, presso lo Stabilimento Chimico Farmaceutico Militare di Firenze, è prevista l’entrata a regime di altre quattro serre, il che consentirà una produzione di 120 chilogrammi di cannabis destinato ad uso terapeutico, quantità però ancora insufficiente a coprire la totalità delle richieste. E’ per questo motivo, che ci si sta attrezzando affinché si raggiunga una produzione di almeno 300chili l’anno. Ad aumentare saranno anche le varietà di cannabis prodotte: oltre alla “FM2” attualmente coltivata e contenente i due principi attivi di Thc (tetraidro-cannabinolo) e di Cbd(cannabidiolo), sarà standardizzata anche la produzione di una variante contenente solo Thc, particolarmente indicata per la cura di specifiche patologie.