Yoga, meditazione e tai chi: aiutano l’organismo favorendo l’azione di geni protettivi

E’ ormai assodato che pratiche spirituali quali meditazione, yoga e tai chi aiutino corpo e mente a rilassarsi, ritrovando l’equilibrio e l’armonia. Ora, un recente studio ne porta alla luce ulteriori e importanti benefici


Pratiche spirituali quali yoga, tai chi, e meditazione, sono sempre più diffuse nella società odierna. I loro innumerevoli effetti benefici, tra tutti il senso di serenità, armonia ed equilibrio capaci di pervadere corpo e mente sembrano la risposta allo stress e alla frenesia caratteristici del tempo. Ora, uno studio condotto dalle università di Coventry and Radboud, ne mette in luce ulteriori ed importanti aspetti benefici. Secondo quanto scoperto, infatti, tali pratiche rilassanti lascerebbero una traccia molecolare positiva sull’organismo, favorendo l’attivazione di geni protettivi. In più, sarebbero associate anche alla riduzione nell’attività di geni contenenti il codice per la produzione di proteine infiammatorie, la cui azione è legata all’apparizione di malattie tra cui il cancro e la depressione. La ricerca, pubblicata sulla rivista Frontiers in Immunology, si è basato sull’analisi di 18 studi pubblicati in precedenza per un totale di 864 partecipanti e per una durata complessiva di 11 anni. Dallo studio di vari tipi di pratiche spirituali, in particolare la meditazione, lo yoga e il tai chi, è emerso che sono associati alla riduzione del gene NF-kB dall’azione fortemente negativa in particolare, in condizioni di stress cronico. Data la capacità di lasciare una traccia molecolare positiva sulle cellule, tali attività rilassanti invertono gli effetti negativi che stress e ansia produrrebbero inficiando l’attività di alcuni geni.