Tumori femminili: in Italia, percentuale di donne colpite dal cancro in aumento

Cresce di anno in anno, il numero di donne colpite da tumori. A testimoniarlo i dati censiti dall’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) e dall’Associazione Italiana Registri Tumori (AIRTUM). In calo l’incidenza dei tumori tra gli uomini

Sono dati preoccupanti quelli emersi dal censimento ufficiale – ormai alla sua sesta edizione – condotto dall’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) in collaborazione con l’Associazione Registri Tumori (Airtum). Stando ai dati – raccolti nel volume ‘I numeri del cancro in Italia 2016’ – il numero di donne colpite da tumori è in aumento. Nonostante grazie alle sempre più specifiche ed efficaci terapie, oggi il cancro non è sia più l’invincibile male di un tempo e che i tassi di sopravvivenza aumentano in percentuali sempre maggiori, la sua diffusione sempre non arrestarsi. In particolare, quest’anno sono stimati 50.000 nuovi casi di tumore del seno – un aumento considerevole rispetto ai 48.000 registrati nel 2015 – da ricondurre anche all’ampliamento della fascia di screening mammografico in alcune Regioni. Nel 2016 sono stimate complessivamente più di 365.000 nuove diagnosi di cancro: la neoplasia più frequente è quella del colon-retto (52.000), seguita da seno (50.000), polmone (41.000), prostata (35.000) e vescica (26.600).  Notizie positive ed incoraggianti per gli uomini. Secondo quanto emerso dal censimento, infatti, nel2016 si registra una diminuzione della diffusione di tumori nei pazienti maschi, con 189.600 nuove diagnosi e un calo del 2,5% ogni 12 mesi a fronte dei 194.400 casi registrati nel 2015.