Mangiare troppa carne rossa causa danni ai reni

Secondo uno studio della National University of Singapore, pubblicato sulla rivista Journal of the American Society of Nephrology, più carne rossa si mangia, maggiore è il rischio di insufficienza renale

carne-rossaIl rischio di sviluppare insufficienza renale potrebbe aumentare con un maggior consumo di carne rossa, i reni non riescono a svolgere le proprie normali funzioni depurative, al contrario altre fonti di proteine possono preservarne la salute. E’ il risultato di uno studio effettuato su 63.257 persone adulte di Singapore, dalla National University of Singapore e pubblicato sulla rivista Journal of the American Society of Nephrology in cui gli scienziati hanno preso in esame i dati del Singapore Chinese Health Study. In questo studio, il 97% di carne rossa era costituito da quella di maiale, mentre altre fonti di proteine erano uova, latticini, pollame, pesce o frutti di mare, soia e legumi. Si è trattato di uno lavoro lungo ben 15 anni, i risultati hanno mostrato che il consumo di carne rossa era fortemente correlato a un aumentato rischio di insufficienza renale, che aumentava con un consumo di dosi maggiore. Si è riscontrato che, per chi consumava dosi maggiori di carne rossa, aumentava il rischio maggiore del 40% di sviluppare l’insufficienza renale. Un risultato completamente diverso è stato invece quello ottenuto con un maggior consumo di pollame, pesce, uova o latticini che non ha prodotto alcuna associazione con lo sviluppo dell’insufficienza renale. Con la soia e i legumi invece, si sono avuti degli effetti anche leggermente protettivi. Lo studio ha anche visto la sostituzione -per alcuni soggetti- della carne rossa con altre proteine, ciò contribuiva a ridurre il rischio di insufficienza renale sino al 62%.