malanni di stagione

Malanni di stagione, sette regole per contrastarli

Con l’arrivo dell’autunno, ecco presentarsi puntualmente i malanni di stagione che possono essere contrastati con sette regole fondamentali, quali: dormire e mangiare sano, sport e igiene delle mani, no allo stress.

Con la stagione autunnale e l’inverno alle porte arrivano i primi malanni di stagione come raffreddori, tosse, mal di gola e influenza.

Per ridurre il rischio di incorrere nei classici malanni di stagione, la rivista Psychology Today, attraverso la penna del medico Susan Biali Haas, ha diffuso sette regole attraverso le quali difendersi.

malanni di stagione
malanni di stagione

Col freddo si sta maggiormente in casa o in luoghi chiusi, comunque a contatto con altre persone. Ciò aumenta il contagio ma è possibile evitare di ammalarsi. Per la dottoressa Biali Haas, la prima regola è dormire a sufficienza. Almeno sette ore al giorno per gli adulti. Dormire poco significa abbassare le difese immunitarie.

Seconda regola è mangiare sano, ovvero fare tre pasti completi al giorno: colazione sempre; frutta e verdura; evitare bibite contenenti zuccheri che invece rallentano la funzione immunitaria. Importante anche la regolarità dei pasti, ovvero non arrivare sempre affamati al pasto, fonte di stress per il corpo.

Terza regola è fare attività fisica, anche una camminata al giorno diventa importante per riattivare la circolazione del sangue potenziando la funzione immunitaria.

Lavarsi le mani più volte al giorno è una regola anti-contagio fondamentale accompagnata da alcune accortezze come: mai mangiare, mai toccarsi naso, occhi e bocca con le mani sporche. La prima azione al rientro a casa è senz’altro lavarsele. Quinta regola riguarda lo stress, che va controllato perché la sua azione attraverso gli ormoni, mette in circolo e indebolisce le difese del corpo.

Per Biali Haas l’umore rientra in queste regole, in particolare mantenere lo spirito alto, ridere e frequentare persone piacevoli aiuta ad aumentare le difese immunitarie. Settima ed ultima regola, evitare gli sbalzi di temperatura e inoltre non prendere freddo, perché un corpo ben riscaldato può prevenire il contagio di virus.