Smettere di fumare

In Italia, numero di fumatori di nuovo in aumento: picco tra gli uomini dai 25 ai 34 anni

Negli ultimi anni, in Italia, era stata registrata una diminuzione del numero di fumatori. Tale tendenza sembra però, essersi fermata. Secondo quanto riportato dall’Istat, il tabagismo continua ad essere una pratica molto diffusa, a fumare di più sono gli uomini tra i 25 e i 34 anni

Il vizio del fumo, tra le principali cause di tumore al polmone, stando a quanto emerso negli ultimi anni, in Italia, sembrava essere destinato a diminuire. Secondo quanto riportato dall’Istat nell’Annuario statistico 2016, tale tendenza si sarebbe fermata. Il tabagismo infatti, continua ad essere una pratica molto diffusa. Nel 2016, a dichiararsi fumatrice è il 19.8% della popolazione italiana over14, percentuale in crescita rispetto al 19.5% registratosi nel 2014 e il 20.9% relativo all’anno 2013. Il numero di fumatori italiani dunque, non accenna a diminuire. Ad essere più avvezzi alla malsana pratica, sono soprattutto i giovani. Il picco si registra nella fascia di età tra i 25 e i 34 anni che rappresenta il 33,5% dei fumatori. Alta anche la percentuale di donne fumatrici, particolarmente elevata tra i 55 e i 59 anni, con il 20,4%. In  generale, tra i due sessi è possibile riscontrare notevoli differenze in fatto di consumo di tabacco: tra gli uomini i fumatori sono il 24,8% mentre tra le donne il 15,1%. Importanti variazioni si registrano anche in relazione alle regioni e alle zone dello stivale prese in esame. Tra le aree in cui l’abitudine del fumo sembra essere più diffusa, troviamo il Centro  Italia per una percentuale del 20,7% della totalità dei fumatori; il Nord- est invece si classifica tra le zone in cui si fuma di meno con il 18,2% . Tra le Regioni italiane, ad occupare il primo gradino del podio in fatto di fumatori è la Campania con il 23.4%, seguita da Umbria con il 22.8% e la Basilicata con il 21.5%. Le percentuali più basse si registrano invece in Calabria, con il 15.9%, Veneto e Trento con il 16,2% e in Puglia con il 17.6% del totale dei fumatori.