Elisir di giovinezza? Forse esiste, scoperti 6 composti naturali dalle proprietà anti-invecchiamento

La ricerca dell’elisir di eterna giovinezza non si ferma e vede ricercatori e scienziati alle continue prese con studi sempre più mirati a vincere l’eterna lotta contro i segni del tempo che passa. Uno studio preliminare condotto su cellule di lievito, porta alla luce le proprietà anti-invecchiamento di sei estratti di piante, ciascuna con un beneficio specifico

Uno studio preliminare canadese condotto su cellule di lievito – pubblicato sulla rivista Oncotarget, realizzato presso la Concordia University – punta i riflettori su sei estratti di piante, ritenuti i possibili componenti di una potenziale ricetta anti-invecchiamento, un vero e proprio elisir di giovinezza. Dopo aver passato in rassegna una vasta gamma di composti naturali, i ricercatori hanno riscontrato nella radice di salice, nella cimicifuga rubifolia, nella valeriana, nel fiore della passione, nelle foglie di gingko e nei semi di sedano, una particolare azione ritardante nell’invecchiamento. Si tratta di piante ampiamente utilizzate nell’ambito medico per problematiche quali l’ansia, la difficoltà di concentrazione, perdita di memoria e menopausa, ma le proprietà anti-invecchiamento che sembrerebbero posseredere erano, fin’ora, rimaste nell’ombra. Lo studio, ancora in fase preliminare, è stato condotto su cellule di lievito di cui gli estratti hanno ritardato l’invecchiamento in modo migliore rispetto ad altri composti e sostanze fin’ora testate. Secondo quanto emerso dallo studio, la radice di salice è l’estratto con la maggior efficacia nella lotta contro il tempo. Inoltre, ciascuna delle sei classi di composti naturali sembrerebbe agire in modo specifico su disturbi tipici dell’invecchiamento come la fragilità delle ossa, problemi di memoria, perdita di vista e di udito.