Approvato il primo ‘pancreas artificiale’, un valido aiuto tecnologico per i pazienti affetti da diabete giovanile

Nuovi importanti passi in avanti per i soggetti affetti da diabete giovanile. Inventato il primo ‘pancreas artificiale’, un innovativo apparecchio in grado di monitorare e di misurare automaticamente l’insulina

La presenza e l’intervento della tecnologica nell’ambito medico si fa sempre più pervasiva. Diverse sono le posizioni di fronte ad una medicina che sembra sempre più, di non essere in grado di fare a meno dell’aiuto tecnologico, ma un dato è certo: dall’incontro tra medicina e tecnologia, sempre più spesso nascosto apparecchiature capaci di influire in modo tanto positivo sulla quotidianità dei pazienti, da facilitarne la vita. E’ il caso del primo ‘pancreas artificiale’, un apparecchio in grado di monitorare automaticamente il glucosio nel sangue, iniettando la giusta quantità di insulina senza l’intervento umano. L’innovativa apparecchiatura – appena approvata dalla Food and Drug Administration, l’agenzia americana che regola i farmaci – solleverà i pazienti affetti da diabate di tipo I o giovanile, dal peso e dall’impegno costante di dover iniettare manualmente l’insulina con siringhe o penne. Il ‘pancreas artificiale’ regola i livelli di insulina quasi senza il minimo intervento del paziente. Misura il glucosio ogni cinque minuti e automaticamente somministra o trattiene l’insulina.